Aversa diventa “Comune Plastic free”, ma di certo non è “libera” dai rifiuti (in particolare quelli ingombranti) che sono riversati in moltissime strade. L’ordinanza comunale firmata dal sindaco Alfonso Golia prevede di ridurre l'impatto della plastica sull'ambiente e vieta l'uso di contenitori e stoviglie monouso realizzate con materiale non biodegradabile anticipando gli obblighi disposti dalla Comunità europea a partire dal 2021. Per chi non si adegua sarà disposta una sanzione amministrativa di 50 euro. Peccato però che Aversa in tema di rispetto dell’ambiente e di rifiuti, nonostante l’esemplare provvedimento, non sembra essere per nulla al passo con i tempi. Prima dell’adeguamento agli standard europei, seppur importantissimi, i cittadini auspicherebbero che fossero raggiunti gli standard minimi di vivibilità.

I social sono invasi dalle proteste e foto denuncia che delineano un quadro drammatico. Quella fotografata non è natura morta, ma un defunto intervento in materia rifiuti. Immondizia di ogni tipo non ritirata e accumulata in troppe aree della città e lamentele a iosa dalla cittadinanza. Il caso della spazzatura lasciata in strada va avanti da tempo sicuramente ed è determinato anche dall’inciviltà di una parte della comunità, ma è dovere di chi è alla guida del Comune mettere in campo tutte le misure affinché non sia possibile uno scempio del genere. È responsabilità dell’amministrazione predisporre i controlli affinché la città normanna non si trasformi nella città del degrado nonché vigilare sull’operato della ditta preposta alla raccolta dei rifiuti ingombranti e non. Molti residenti infatti ne lamentano la grande negligenza. Sarebbe forse il caso di usare il pugno duro con chi deve svolgere il servizio o predisporre finalmente un piano di controllo che metta fine agli sversamenti illeciti? In ogni caso, onde evitare che Aversa diventi un centro di arredamenti di bassa qualità a cielo aperto i cittadini invocano un intervento, di qualsiasi tipo, ma che sia risolutivo.

Valentina Piermalese





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information