Errore
  • DB function failed with error number 145
    Table './CAMPANIANOTIZIE/jos_vvcounter_logs' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT MAX(time) FROM jos_vvcounter_logs
  • DB function failed with error number 145
    Table './CAMPANIANOTIZIE/jos_vvcounter_logs' is marked as crashed and should be repaired SQL=INSERT INTO jos_vvcounter_logs (time, visits, guests, members, bots) VALUES ( 1594916006, 909, 782, 0, 127 )

Traffico di sostanze con l’aggravante del metodo mafioso. Questa l'accusa che ha fatto scattare le manette per dieci persone al termine di una maxi operazione scattata stanotte nel Casertano. In azione i carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta, che hanno dato esecuzione alle ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Dda. Le parentele eccellenti L’indagine del Nucleo Investigativo è iniziata nel 2015 e si è conclusa nel luglio 2016, consentendo di ritenere Teresa Vitolo, moglie di Carlo Del Vecchio (attualmente detenuto al regime del 41bis), nonché sorella di Massimo Vitolo (elemento di spicco del clan dei Casalesi) e il cugino del noto affiliato ai Casalesi Maurizio Fusco, Stefano Fusco, come i due che si sono adoperati per promuovere l’associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga.

I loro affari potevano contare sulle parente con elementi di spicco del clan e sulla copertura degli esponenti ancora liberi, come Gaetano Diana, figlio di Elio, esponente dei Casalesi, e nipote per parte di madre di Francesco Schiavone ‘Cicciariello’. Gli affari erano cresciuti in maniera esponenziale, tanto da raggiungere uno stato di monopolio soprattutto nei comuni a nord di Caserta (Bellona, Vitulazio, Camigliano), riuscendo a subentrare nella gestione delle piazze di spaccio a gruppi già operanti in zona.

Esemplificativo è l’episodio in cui Teresa Vitolo ha affrontato presso la propria abitazione Cristina Gravante, 48enne pluripregiudicata per reati specifici in materia di sostanze stupefacenti, la quale, sebbene sostenuta dalla fazione Iovine del clan dei Casalesi, ha dovuto arrendersi di fronte alla preponderante forza camorristica della rivale. Dalle indagini è inoltre emerso che il gruppo criminale poteva avvalersi della disponibilità di armi e di contatti con compagini criminali straniere, in particolare albanesi, con i quali contrattavano l’acquisto di droga.

IN CARCERE:

Erjon Bixi, 37 anni;

Gaetano Diana, 28 anni;

Stefano Fusco, 44 anni;

Michele Fusco, 25 anni (figlio di Stefano);

Antonio Merola, 48 anni;

Antonio Nespoli, 38 anni;

Teresa Vitolo, 46 anni,

Pasquale Vitolo, 53 anni (fratello di Teresa).

AGLI ARRESTI DOMICILIARI:

Tommaso Nigro, 43 anni;

Gennaro Russo, 22 anni.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information