«Addio sangiorgesi, questa sera mi ammazzo». Lo scioccante messaggio compare poco le 22 di martedì su un gruppo social cittadino e mette da subito in allarme decine di utenti. L’autore è Ferdinando (nome di fantasia), 40enne molto conosciuto a San Giorgio nel Napoletano. Vive da solo in un piccolo appartamento nei pressi del municipio, e tanto basta a chi lo conosce per prendere d’assalto i centralini delle forze dell’ordine con chiamate di emergenza per segnalare la situazione. Non mancano i commenti solidali al post, ma l’uomo rincara la dose: «Non scherzo, mi tolgo la vita sul serio». Sul posto i più rapidi ad arrivare sono i poliziotti del commissariato locale. Gli agenti tranquillizzano Ferdinando, in evidente stato di agitazione ma per fortuna senza segni di ferite. Poco dopo interviene in prima persona anche il sindaco Giorgio Zinno, chiamato in causa dagli stessi cittadini. Ma quello che inizialmente era sembrato un annuncio estremo dettato dalla solitudine, qualche ora dopo assume contorni ben più inquietanti: a spaventare il 40enne sarebbe stato infatti un caso di «revenge porn», un ricatto sancito come reato da un emendamento approvato - ironia della sorte - proprio martedì alla Camera. Ferdinando si è recato ieri mattina in questura per denunciare l’accaduto.

L’uomo è stato infatti adescato in rete da una sedicente 25enne che l’aveva convinto in pochi giorni a portare le conversazioni su argomenti sempre più osé, con tanto di filmati in web cam e chiacchierate divenute decisamente «bollenti». Quella che sembrava una chat privata si è trasformata però in un boomerang per Ferdinando, quando martedì la ragazza ha avanzato una richiesta ben più audace. «Voglio 1.500 euro», scrive di punto in bianco, «o i tuoi messaggi finiranno su tutti i gruppi». Dopo l’iniziale diniego dell’uomo, la replica di Serena - questo il nome del profilo dietro cui gli investigatori ritengono celarsi un’intera gang specializzata in questo tipo di truffe - passa direttamente ai fatti: «So dove abiti, se non paghi manderò qualcuno da te stasera stesso». La vergogna per la reputazione compromessa, il mondo che gli crolla addosso in un istante. È a questo punto che la frustrazione di Ferdinando sfocia nella minaccia affidata ai social, fortunatamente esorcizzata dall’intervento di concittadini e poliziotti.

«I due agenti intervenuti per salvarmi sono come angeli custodi», ha affermato ancora commosso il 40enne, che ha deciso ieri pomeriggio di sdebitarsi nei confronti delle forze dell’ordine, facendo recapitare di persona al commissariato di via Rosa una lettera di ringraziamento. Ora la palla passa però agli investigatori. Nei prossimi giorni la polizia proverà a far luce su quanto accaduto e scoprire la reale identità degli estorsori. Secondo quanto trapela, quello di Ferdinando non sarebbe l’unico caso di ricatto legato al mondo delle «vendette a luci rosse» denunciato nel Vesuviano nelle ultime settimane. Non è quindi escluso che a entrare in azione possa essere stata un’unica comune matrice. La polizia postale ha già sequestrato pc e cellulare dell’uomo, con la speranza di trovare anche nel numero di telefono di Serena indizi utili per smascherare i malviventi.

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information