Associazione per delinquere di tipo mafioso, omicidio, detenzione e porto illegale di armi, comuni e da guerra, e ricettazione. Per questi reati gli agenti della squadra mobile di Napoli hanno arrestato undici persone ritenute affiliate al clan camorristico Sibillo, attivo nel centro antico di Napoli, su provvedimento della Dda, pm Woodcock, De Falco e Parascandolo.
Nell'operazione della polizia sono stati coinvolti soggetti ritenuti pienamente organici al clan Sibillo all'epoca della latitanza dei fratelli Emanuele e Pasquale Sibillo, latitanti dal giugno 2015 e poi assurti al rango di referenti del clan, dopo l'assassinio di Emanuele Sibillo, avvenuto il 2 luglio 2015, e l'arresto di Pasquale Sibillo, avvenuto il 4 novembre 2015. Dalle indagini della Squadra Mobile emerge la violenta contrapposizione tra il clan Sibillo e il clan Buonerba-Mazzarella per acquisire il controllo degli affari illeciti nel quartiere di Forcella, nel rione della Maddalena, in via dei Tribunali e, più in generale, nell'area dei Decumani.
Destinatari delle 11 misure cautelari sono anche due persone ritenute affiliate ai clan rivale dei Sibillo: si tratta di Gennaro Buonerba, a capo dell'omonimo gruppo camorristico, già in carcere, e Massimo Amoroso, anche lui ritenuto affiliato ai Buonerba. Secondo Dda e polizia sarebbero, rispettivamente il mandante e l'esecutore materiale dell'esplosione di un ordigno, molto simile a una bomba a mano, fatta deflagrare nell'ottobre del 2015 davanti l'abitazione di un loro rivale, ritenuto affiliato ai Sibillo, Antonio Napoletano. Un'esplosione particolarmente potente che danneggiò due negozi e non provocò vittime unicamente perché quel giorno c'era una partita del Napoli e le strade erano deserte. Dopo la morte di Emanuele Sibillo e l'arresto del fratello Pasquale, a capeggiare la paranza erano Ciro Contini, Antonio Napoletano, Francesco Pio Corallo e Luca Capuano. Questi ultimi due vennero arrestati per avere chiesto il pizzo nella zona della Maddalena a Napoli, creando contrasti con il clan Mazzarella. Dopo il loro arresto, infatti, le estorsioni in quella zona passarono proprio ai Mazzarella i quali, per affermare la propria supremazia ai danni degli ambulanti extracomunitari retitenti, spararono a scopo intimidatorio ferendo una bimba, figlia di un ambulante napoletano.
Tra i destinatari ci sono anche gli autori dell'assassinio di una vittima innocente, il meccanico Luigi Galletta, ammazzato dal clan Sibillo a 21 anni per avere detto no alla camorra, in particolare per essersi rifiutato di rivelare dove si nascondesse il cugino, affiliato al clan Buonerba: si tratta di Antonio Napoletano, ritenuto esecutore materiale dell'omicidio e di Ciro Contini (lontano parente di Edoardo Contini, elemento di spicco dell'omonimo clan), anche lui ritenuto esecutore materiale dell'assassinio di Galletta. L'uomo venne prima picchiato e poi ucciso tre giorni dopo, nell'officina dove lavorava, dopo l'ennesima richiesta di rivelare dove si trovasse il cugino.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information