Pin It

Nel suo rifugio dorato di Gaeta dove sta trascorrendo il weekend nella sua bella e costosa casa Andrea Villano ha partorito quella che dovrebbe essere la giunta. Il condizionale è d’obbligo visto i casini che ha combinato finora. Dopo aver esperito una serie di soluzioni, alcune a dir poco bizzarre, il sindaco di Orta di Atella ha finalmente deciso di mettere fine alla telenovela dei nomi degli assessori. Ha fatto saltare, denotando una preoccupante schizofrenia politica, i criteri da lui stesso inizialmente fissati, cioè premiare i primi non eletti o i consiglieri comunali (che si sarebbero dimessi) per optare per una giunta tecnico-politica a “tempo determinato”. Durata? Un annetto. Dell’esecutivo faranno sicuramente parte, in quota Villano, Peppe Roseto (vicesindaco e delega agli Affari Generali), Maria Grazia Zagaria, che sotto il vessillo di Coraggio si occuperà di Tributi e Bilancio, e Giusy Del Prete (Politiche sociali), sorella di Mario Del Prete, primo dei non eletti della lista Noi Ortesi. Per conto di Campania Libera (ancora per poco), che esprimerà anche il presidente del consiglio comunale (il prescelto è il baldo giovane Nando D’Ambrosio) farà il suo ingresso nell’esecutivo uno tra Cesario Villano e Anna Silvestre, entrambi legatissimi al consigliere regionale Luigi Bosco. Il primo, meno quotato, è un esperto di fondi regionali destinati ai Comuni. Ha già proposto al primo cittadino un progetto di 70mila euro per iniziative culturali. Non si capisce a che titolo un uomo di Bosco dovrebbe occuparsi dei progetti del Comune di Orta. Mistero. Molte più chance di diventare assessore ce l’ha Anna Silvestre (Contenzioso e Patrimonio), amica stretta e collaboratrice fidatissima di Bosco. Per ora non siamo riusciti a scoprire il quinto componente della giunta. Ma sappiamo con certezza che sarà un nome a sorpresa e autorevole. A lui verrà assegnato il compito di occuparsi dei Lavori pubblici. Salvo altri schizofrenici ripensamenti del sindaco questa sarà la nuova squadra di governo di Orta. La nomina degli assessori dovrebbe avvenire lunedì 16 luglio. Per Villano è un banco di prova decisivo. Deve dimostrare se è un sindaco al servizio dei cittadini o se è ostaggio di Raffaele Eleveri e Salvatore Del Prete “Soldinus Magò”. Nel secondo caso ad Orta di Atella verrebbe inviato immediatamente l’Esercito.

Mario De Michele

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information