Dalle urne è uscito un dato inequivocabile: i cittadini di Gricignano non ne potevano più dell’amministrazione Moretti-Aquilante. Ci vuole un attimo per analizzare il voto del 10 giugno. Oltre alla differenza abissale tra il nuovo sindaco Vincenzo Santagata (4.828 preferenza pari al 68,69%) e l’aspirante primo cittadino di “Uniti Si Può Fare” (2200 voti, quota 31,30%), balza agli occhi un altro dato clamoroso, cioè il distacco siderale tra Vittorio Lettieri, consigliere comunale uscente, e l’ormai ex sindaco Andrea Moretti. Lettieri da solo ha sfondato la soglia dei mille voti (1023), mentre Moretti ha racimolato appena 409 voti. Un risultato striminzito per un primo cittadino che ha governato per 5 anni. Tra Vittorio Lettieri, che dopo essere fatto le ossa politicamente non è più il “figlio di Andrea Lettieri”, e Moretti c’è un divario di oltre 600 voti. Ecco, bastano questi due dati, il trionfo di Santagata che ha demolito Aquilante, e quello di Lettieri che ha distrutto Moretti per comprendere come la sconfitta del sindaco uscente e del suo vice siano la dimostrazione numerica della bocciatura senza appello della passata amministrazione comunale. Incamerata la nettissima vittoria ora Santagata è alle prese con la formazione della giunta. Il criterio per la formazione dell’esecutivo dovrebbe essere numerico. Quindi dovrebbero far parte della della squadra di governo i primi 5 eletti della lista “CambiAmo Gricignano”. Ma deve ancora essere sciolto il nodo Pd. Pur non piazzandosi tra i primi cinque, il candidato dem Carlo Munno ha raccolto ben 357 voti. Un risultato più che positivo se si considera che è la sua prima candidatura. A ciò bisogna aggiungere che il Pd, che conferma di avere uno zoccolo duro nell’elettorato, è l’unico partito che ha partecipato alle elezioni comunali. Sotto il profilo politico dunque dovrebbe avere un rappresentante in giunta. In tal caso sarà un esterno. E uno dei primi 5 eletti dovrà sacrificarsi per fare spazio ai dem. Gli assessori in pectore sono Giuseppe Diretto, Mariarosaria D’Agostino, Maddalena Licciardiello e Anna Michelina Caiazzo.Scontato ovviamente il nome del vicesindaco. Alla luce dello straordinario risultato elettorale il vice di Santagata non può che essere Lettieri. Ci mancherebbe altro. .

Mario De Michele

I VOTI DEFINITIVI DEI CANDIDATI ALLE ELEZIONI COMUNALI DI GRICIGNANO

CambiAmo Gricignano

Vittorio Lettieri 1023

Giuseppe Diretto 694

Mariarosaria D’Agostino 635

Maddalena Licciardiello 595

Anna Michelina Caiazzo 547

Filomena Iuliano 532

Andrea Barbato 530

Pasquale Dello Margio 463

Raffaele Russo 444

Michelina D’Aniello 376

Carlo Munno 357

Annamaria Pellegrino 334

Alfonso Buonanno 291

Salvatore Falcone 258

Gaetano Luigi Spinelli 250

Errico Della Gatta 231.

Uniti si può fare

Andrea Moretti 409

Carmine Della Gatta 294

Gianluca Di Luise 290

Giovanna Zampella 249

Teresa Bibiano 228

Margherita Cerullo 218

Angela D’Aniello 217

Giacomo Di Ronza 207

Andrea Ciardulli 199

Nicola Cristiani 186

Consiglia Tessitore 161

Alfredo Gaglione 143

Giuseppina Affinito 136

Domenico Carusone 130

Michele Oliva 113

Eliana Laudadio 103

IL NUOVO CONSIGLIO COMUNALE

Per la maggioranza Vittorio Lettieri, Giuseppe Diretto, Mariarosaria D’Agostino, Maddalena Licciardiello, Anna Michelina Caiazzo, Pasquale Dello Margio, Filomena Iuliano, Andrea Barbato, Raffaele Russo, Michelina D’Aniello, Carlo Munno. Per l'opposizione Andrea Aquilante, Andrea Moretti, Carmine Della Gatta, Gianluca Di Luise, Giovanna Zampella.

 

 





Leggi anche:


Cerca in google

 

stoccata.jpg

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information