In zona Cesarini il sindaco Claudio Grillo ritira le dimissioni presentate quasi 20 giorni fa e torna alla guida del comune di Afragola. E mentre la maggioranza esulta per aver evitato di essere mandata a casa a poco più di anno dalle elezioni, la minoranza accusa il sindaco di aver messo in atto una vera e propria “farsa”.

La decisione si è formalizzata nel primo pomeriggio quando Claudio Grillo, si è presentato presso l'ufficio protocollo per depositare e far protocollare la revoca delle dimissioni. Un passo indietro che per l'opposizione è scandaloso o un accordo raggiunto tra le fila della maggioranza? Il sindaco con tono molto pacato risponde: “Sono stati giorni intensi e particolari contrassegnati da un confronto all'interno della maggioranza, al termine del quale è stata trovata una sintesi compartecipata da tutti. Si è discusso su quei punti critici che avevo elencato nella lettera delle dimissioni e che erano alla base del mio atto. Un confronto chiaro e senza politichese che ha indotto tutti a perseguire il rispetto del programma elettorale, per altro condiviso dalla maggioranza, e dal quale si era pericolosamente deviato”. L'opposizione accusa il primo cittadino di essere un burattino nella mano di un occulto burattinaio. E allora Claudio Grillo ribatte: “Le parole volano, i fatti sono cose concrete. Nessun cambio in giunta, e nemmeno cambio di casacche”.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information