Il 4 Gennaio 2017, con le temperature che toccavano zero gradi centigradi, Frattamaggiore salutava il nuovo anno con il pericolo di crollo di un palazzo sito all’angolo di via Massimo Stanzione. Per questa ragione i vigili del fuoco decidevano di chiudere la strada al traffico veicolare. L’amministrazione frattese si è prodigata, fin dal primo momento, per mettere in sicurezza l’area e dare una prima assistenza a chi era rimasto senza alloggio. Mercoledì sera invece, è stato siglato l’accordo tra residenti ed Ottogas che permetterà di tornare alla normalità in breve tempo. Il Sindaco di Frattamaggiore, Marco Antonio Del Prete ha spiegato tutti i passaggi che sono stati necessari per il raggiungimento di questo importante risultato: “Anche se il Comune non è mai stato parte in causa, mi sono prodigato per trovare una soluzione capace di soddisfare sia i residenti che i commercianti. Potevamo scegliere di aspettare la conclusione dell’iter processuale. Ho deciso invece di metterci la faccia esponendo anche la mia persona a critiche inopportune e strumentali, pur di arrivare ad una soluzione che potesse tutelare tutti: residenti, commercianti e cittadini”. Infatti, il Sindaco, dopo l’ordinanza di messa in sicurezza del palazzo, avrebbe potuto procedere penalmente contro i residenti dell’immobile in questione ma, per non gravare ulteriormente sugli sfollati, ha deciso la via della diplomazia e spiega: “Abbiamo aperto un tavolo di concertazione e, dopo mesi di trattative, l’Ottogas ha siglato un accordo con i proprietari dell’immobile danneggiato, accollandosi tutte le spese di ristrutturazione. Questo ci permetterà di mettere in sicurezza l’area e di riaprire al traffico veicolare Via Massimo Stanzione, con una tempistica di molto inferiore rispetto a quelli che sarebbero potuti essere i tempi di una controversia legale”.





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information