"Abbiamo bisogno di superare la Legge Bossi-Fini per regolarizzare i 500mila lavoratori in nero presenti in Italia, e inoltre il decreto flussi è inefficiente solo per 30mila persone. La politica non può avere paura, deve dare risposte e soluzioni. Non abbiamo alternativa: combinare umanità e legalità è l'unica strada possibile". Così Emma Bonino al convegno dei Radicali italiani "Come vincere la sfida dell'Immigrazione", in cui si è discusso della proposta di legge popolare dei Radicali che prevede la regolarizzazione degli stranieri che sono in Italia da anni e lavorano in nero, l'introduzione di un permesso di soggiorno temporaneo (12 mesi) da rilasciare a lavoratori stranieri che sono stati selezionati da intermediari, sulla base delle richieste di figure professionali da parte di datori di lavoro italiani, per consentire loro di svolgere i colloqui, la reintroduzione del sistema dello "sponsor" a chiamata diretta. Entro Pasqua dovrebbe iniziare la raccolta di firme - ne servono 50mila in sei mesi - per la quale hanno annunciato il proprio impegno anche esponenti del Pd presenti oggi, come la deputata Camilla Sgambato, che ha annunciato che per la raccolta "saranno usate le sezioni del Pd", e Dimitri Russo, sindaco di Castel Volturno, comune del litorale casertano dove si registra probabilmente la più alta concentrazione di immigrati irregolari, la maggior parte dei quali, però, lavora senza contratto ed è spesso vittima dei caporali.





Leggi anche:


Cerca in google

 

 

stoccata.jpg

 

300x250_wellness_new.gif

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information