"Mi dimetto", inizia così la nota a firma del primo cittadino che termina così i tre anni alla guida del comune di Marcianise. Era da tempo nell’aria la capitolazione dell’amministrazione comunale targata Velardi. Infatti, qualche mese fa, si erano già verificate le prime fratture interne alla maggioranza che avevano iniziato a far scricchiolare lo scranno più alto di Palazzo della Cultura. Tanto da portare la giunta a presentare le dimissioni in massa, sperando che un rimpasto avrebbe placato gli animi. Ma la fase di calma era solo apparente ed è durata ben poco: tutta l’opposizione e 5 consiglieri di maggioranza hanno presentato una mozione, da discutere nel prossimo consiglio comunale previsto per il 14 ottobre, in cui si contesta l’attività amministrativa portata avanti dalla fascia tricolore.

“Ho rassegnato poco fa le dimissioni da sindaco di Marcianise - esordisce Velardi - Ho inviato la comunicazione al Segretario generale e, per conoscenza, al presidente del Consiglio comunale. Le mie dimissioni fanno seguito a quelle irrevocabili, protocollate stamattina, presentate da tutti gli assessori della mia giunta. Resto in carica, per un periodo a termine, per il disbrigo delle pratiche di ordinaria amministrazione. Ho deciso di dimettermi dopo la mozione di sfiducia presentata da tutti i consiglieri comunali di opposizione e da cinque consiglieri di maggioranza, eletti con la mia coalizione. Nel documento mi viene contestata l'attività amministrativa fin qui svolta. Di tale mozione si discuterà nel prossimo consiglio comunale, convocato per lunedì 14 ottobre. Ringrazio molto tutti gli assessori che mi hanno supportato egregiamente in questi tre anni di attività - continua - e che, con me, hanno operato con il solo obiettivo di favorire la crescita della città. Ringrazio i consiglieri comunali, quelli che non mi hanno mai voluto far mancare il loro sostegno. Ringrazio i dipendenti del Comune di Marcianise, che ho sottoposto a molti stress per i miei ritmi di lavoro infernali. E ringrazio tutti i cittadini che mi hanno espresso il loro apprezzamento: sono stati splendidi. Mi scuso con tutti per le molte cose che non sono riuscito a realizzare, ma posso assicurare di averci sempre provato. Ritengo di aver fatto molto, in questi tre anni, con tutti i limiti che mi riconosco: ma non sono un robot, sono semplicemente una persona. Chiedo perciò almeno di giustificarmi, non di assolvermi. Marcianise ha giustificato tutti quelli che negli anni l'hanno fatta precipitare nel baratro dove l'ho trovata: chiedo ora di essere giustificato io per non essere stato un robot e non aver risolto improvvisamente e completamente tutti i problemi della città, con la bacchetta magica. Credo di non chiedere molto. Io ce l'ho messa tutta e sono orgoglioso di aver agito solo nell'interesse della città e solo ascoltando la mia coscienza. Finalmente potrò tirare il fiato - conclude - e cercare un po' di riposo: la vita per me era diventata un inferno. Un caro saluto a tutti”.

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information