di Mario De Michele

E’ proprio vero che le idee camminano sulle gambe degli uomini. Una dimostrazione plastica arriva dal Pd. Per la composizione delle liste l’orologio ha scandito minuti febbrili fino all'ultimo. Un lungo braccio di ferro tra i territori e la segretaria nazionale.

Motivo del contendere la quota di circa il 30% degli eletti che è finita democraticamente(?) nelle grinfie dei “big” del partito, Bersani su tutti. Candidati 'blindati' inseriti anche sopra chi si è misurato nelle parlamentarie. Una “imposizione democratica” contestata dalle segreterie locali che hanno chiesto, giustamente, di non mortificare il territorio e chi si è messo in gioco alle primarie raccogliendo migliaia di voti.

E poiché le idee camminano sulle gambe degli uomini in alcune realtà locali i segretari regionali alla fine l’hanno spuntata. È il caso della Sicilia, dove Giuseppe Lupo, leader regionale del Pd, ha compiuto in pieno la missione affidatagli dalla direzione che era contraria alla candidatura in Sicilia di 11 esterni. E ha “concesso” ai vertici nazionali del partito tre capilista, tra cui Bersani nella circoscrizione Sicilia Occidentale, e cinque 'esterni', tra cui il giornalista Corradino Mineo, che guiderà la pattuglia dei candidati al Senato.

Emblematico anche il terremoto politico (le idee camminano sulle gambe degli uomini) che si è scatenato in Puglia. Qui il segretario regionale Sergio Blasi si è dimesso dall'incarico “in pieno ed assoluto dissenso col gruppo dirigente nazionale del Pd per aver tradito lo spirito delle primarie ed aver invaso le liste pugliesi di 'immigrati dal nord”.

A conferma che le idee camminano sulle gambe degli uomini c’è il “caso Campania". Come in Sicilia e in Puglia, la direzione regionale e quelle provinciali hanno dato mandato al segretario campano di limitare l’invasione di ‘paracadutati’. Così Enzo Amendola, lancia in resta, è andato all’attacco. Il risultato? Straordinario. Ma solo per lui che ha ottenuto il secondo posto nella circoscrizione Campania 2.

Per il resto Roma ha imperversato lasciando sul terreno morti e feriti, cioè i vincitori delle parlamentarie che rischiano di non essere eletti. La Campania è stata talmente terra di conquista che Fioroni ha imposto la sua segretaria in posizione utile al Senato. E Amendola come ha reagito? Ha fatto spallucce e si è tenuta stretta la sua candidatura blindata.

Le idee camminano sulle gambe degli uomini. Ma solo quando ci sono idee e uomini.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information