di Mario De Michele

La vittoria è netta. Senza appello. Vincenzo De Luca sbaraglia la concorrenza alle primarie del centrosinistra in Campania. Annienta Andrea Cozzolino, suo principale rivale, con diecimila voti di scarto (72.596 a 63.606). Il terzo incomodo Marco Di Lello si ferma a 3.733 preferenze. Su un totale di 140.935 elettorali l'ex sindaco di Salerno incassa il 52.22%, l'europarlamentare si deve accontentare del 45.13%, il candidato del Psi raccoglie il 2.65 per cento. De Luca stravince nel Salernitano con numeri da capogiro. Mette in carniere addirittura 30.634 preferenze su 42.950 votanti. Un boom. Cozzolino incassa 11.256 consensi, Di Lello 1060 voti. Ma se il dato salernitano è stato pronosticato (forse con cifre un po' inferiori) da molti osservatori, nessuno avrebbe ipotizzato che De Luca tenesse testa a Cozzolino anche nella sua patria. Nel Napoletano il deputato europeo ha arrancato. Non ha fatto il pienone. E ha distanziato l'ex sindaco di Salerno di poco meno di 6.000 preferenze (29.323 a 23.482). E qui, a Napoli, dove giocava in casa, Cozzolino ha perso la battaglia delle primarie. L'europarlamentare ha vinto invece nettamente a Benevento con 9.549 voti rispetto ai 4009 di De Luca. Di Lello ha raccolto solo 125 preferenze. L'ex primo cittadino salernitano ha ottenuto una doppia vittoria nelle province di Caserta e Avellino. In Terra di Lavoro, Cozzolino, che anche qui partiva ampiamente favorito, ha rimediato una sconfitta. Ha messo in carniere 7.731 preferenze, facendosi superare da De Luca con 8.583 voti. Per Di Lello 623 consensi. Ancora più netta la supremazia di De Luca in Irpina, dove si è aggiudicato 6.888 preferenze, mentre Cozzolino e Di Lello si sono attestati rispettivamente a 5.747 e 940 suffragi. Conti alla mano il deputato europeo è stato tradito dagli elettori napoletani. Mentre De Luca ha fatto piazza pulita nella sua Salerno e in tutta la provincia. Al netto dell'analisi numerica, appare evidente il dato politico: De Luca è un trascinatore di masse, Cozzolino non suscita grandi emozioni.





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information