Cinque macro interventi per un valore complessivo di 504 milioni di euro, interamente finanziati, per la velocizzazione della direttrice ferroviaria Salerno-Reggio Calabria: questo il contenuto di un Contratto istituzionale di sviluppo (Cis) siglato questa mattina dal ministro per la Coesione territoriale Fabrizio Barca, dal viceministro alle Infrastrutture e Trasporti Mario Ciaccia, dalla Rfi e dai rappresentanti istituzionali delle Regioni Campania, Calabria e Basilicata.

Il progetto consentirà di aumentare la velocità di progetto a 200 km/h sulla linea Salerno-Reggio Calabria, mentre sulla tratta Metaponto-Sibari-Bivio S.Antonello (Cosenza) si prevede una riduzione del tempo di percorrenza, garantendo un'offerta di servizio fino a un massimo di 61 treni al giorno. Per la linea Sibari-Crotone-Catanzaro-Lamezia Terme verrà invece realizzato uno studio di fattibilità per l'elettrificazione che dovrebbe garantire, una volta in esercizio, un minore impatto ambientale attraverso la riduzione delle emissioni di CO2 e un aumento della regolarità e affidabilità del servizio. L'attivazione delle fasi di lavoro avverrà nel 2014 e nel 2016. Quello di oggi, ha ricordato il ministro Barca, è il secondo Cis firmato dal governo, dopo l'esperienza positiva relativa alla realizzazione della direttrice ferroviaria Napoli-Bari-Lecce-Taranto del 2 agosto scorso.

"Il contratto di sviluppo firmato oggi a Roma per la velocizzazione della linea ferroviaria Salerno-Reggio Calabria è la conferma dell'eccellente rapporto di collaborazione che si è instaurato tra la Regione e il Governo sul fronte del potenziamento delle infrastrutture di trasporto, in particolare con il ministero della Coesione territoriale". Così, in una nota, l'assessore ai Trasporti della Regione Campania, Sergio Vetrella. "Si tratta, infatti, del secondo contratto siglato dalla Campania con il Governo in appena quattro mesi, dopo quello per la Napoli-Bari, altra importante opera prioritaria sbloccata dopo anni di impasse", spiega. "Anche in qualità di coordinatore della Commissione Trasporti della conferenza delle Regioni e delle Province autonome - continua Vetrella - esprimo quindi la mia soddisfazione per l'avvio di questo intervento, atteso da tempo, e che è assolutamente strategico per lo sviluppo economico non solo di Campania, Calabria e Basilicata - che saranno sempre più vicine e meglio collegate tra di loro con treni finalmente moderni e linee al livello di quelle del Nord Europa - ma anche dell'intero territorio nazionale ed europeo. Il potenziamento della tratta Salerno-Reggio, infatti, si innesterà direttamente sulla linea ad alta velocità Milano-Napoli già in funzione, avviando così il completamento del corridoio ferroviario transeuropeo Berlino-Palermo, così come farà la Napoli-Bari per quello che arriverà a Varna, in Bulgaria. A opere ultimate, dunque, avremo due collegamenti veloci verso est e verso sud che potranno essere sfruttati non solo per i passeggeri, ma anche e soprattutto per il trasporto delle merci, candidando sempre più la Campania come piattaforma logistica principale del Mediterraneo". "Anche qui come per la Napoli-Bari - conclude l'assessore regionale - voglio infine ricordare l'importanza di reperire le risorse che saranno necessarie all'acquisto dei treni e all'effettuazione dei nuovi servizi di trasporto che saranno programmati sulla linea così potenziata, per evitare che - come accaduto talvolta in passato - si costruiscano importanti infrastrutture che rischiano di non essere poi utilizzate al meglio delle proprie potenzialità".





Leggi anche:


Borsa in tempo reale

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information