Manifestazione di protesta e tir carichi di merce fermi davanti ai depositi della ditta SVA Capaldo di Avellino da parte di 40 dipendenti che chiedono l'applicazione del contratto nazionale di lavoro. "Non ci è stato applicato il contratto nazionale di categoria - dice uno dei dipendenti - ma un contratto firmato dalla Cisal che ci fa perdere circa 500 euro al mese". "I lavoratori della SVA ditta Capaldo - aggiunge Enzo De Vincenzo, dell'esecutivo federale Usb - hanno incrociato le braccia per ristabilire le condizioni di legalità e i loro diritti all'interno dello stabilimento. Il blocco di stamattina, iniziato all'alba, - continua il sindacalista - è solo l'inizio di un percorso di lotta che ci vedrà protagonisti di ulteriori azioni".





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information