Ci voleva un inglese nero come Steve McQueen per raccontare in 12 anni schiavo la schiavitù americana con tanta crudeltà, verità e bellezza estetica. Altro che la facile macelleria di Quentin Tarantino in Django Unchained. Il fatto è che il lungometraggio di McQueen - che risulta il superfavorito agli Oscar nella categoria miglior film (la Snai lo dà a 1,38 seguito solo da Gravity a 3,75 e da American Hustle a 12) - ha dalla sua tante cose: è una storia vera con una drammaturgia perfetta.

 

 





Leggi anche:


Cerca in google

 

234x60_promo

Film in sala

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information