Erano circa le due della notte tra domenica e lunedì quando un boato ha scosso l’intero quartiere di Chiaia a Napoli. Un attentato dinamitardo nel cuore del salotto buono di Napoli riaccende i riflettori sulla sicurezza in città. Il raid è stato messo a segno lungo la Riviera di Chiaia, arteria centralissima e sempre battuta - di giorno come di notte - da auto e passanti. Una zona presidiatissima perché ubicata, alle spalle del consolato degli Stati Uniti d'America e soltanto a pochi passi da via Piedigrotta, dove ha sede anche della Procura regionale della Corte dei Conti, e sorvegliata anche da dispositivi di telecamere stradali e private. Tra i residenti c'è chi parla addirittura di due esplosioni in sequenza. Eppure, l'altra notte, qualcuno ha posizionato un pacco contenente un ordigno esplosivo che - per quanto artigianale - avrebbe potuto ferire o uccidere qualcuno. La potenza della deflagrazione ha lasciato le sue tracce, ed è ben visibile nei danni lasciati nelle carrozzerie danneggiate di due auto che erano parcheggiate a margine del marciapiedi. L'esplosione è stata avvertita fino a un chilometro di distanza, e ha svegliato di soprassalto centinaia di persone.

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information