Ancora un volta i sanitari del 118 si sono ritrovati vittime di aggressione. Questa è stata la volta del personale di un'ambulanza della postazione Pianura, in servizio al Rione Traiano di Napoli, è stato aggredito durante un soccorso ad una donna in codice giallo. Per garantire la sua privacy delle persone che vengono soccorse - come riferiscono Guido Bourelly, amministratore dell'omonimo gruppo che gestisce in convenzione con la Asl Napoli 1 il servizio di emergenza 118 e l'associazione ‘Nessuno tocchi Ippocrate’ che denuncia le aggressioni agli operatori sanitari - durante il controllo dei parametri vitali, l'autista del mezzo ha deciso di chiudere le porte dell'ambulanza ma “Improvvisamente un familiare della donna, di fronte all'impossibilità di entrare nell'ambulanza, si è scagliato contro l'autista e l'infermiere”.
Giunto in ospedale, l'equipaggio ha allertato i carabinieri sporgendo regolare denuncia: tre giorni di prognosi per i due. Successivamente, secondo quanto riferito, l'aggressore ha chiesto scusa ai due. “Si tratta - sostiene Bourelly - della 18esima aggressione ad equipaggi delle ambulanze soltanto dall'inizio del 2019. Servono le telecamere a bordo delle ambulanze e, in taluni casi, anche la scorta di polizia. Il clima in città è diventato irrespirabile. Questi provvedimenti non sono più rinviabili”.

 

 





Leggi anche:


Cerca in google

 

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information