Con l’approssimarsi delle festività di fine anno, il comando provinciale della guardia di finanza di Napoli prosegue con l’intensificazione delle attività di contrasto ai fenomeni illeciti in materia di produzione e commercializzazione di artifizi pirotecnici illegali. In un primo intervento, i finanzieri della compagnia di Portici procedevano ad Ercolano al controllo di un’autovettura, condotta da un sessantenne, residente a Brusciano, nel cui vano bagagli venivano rinvenuti 720 manufatti di fuochi d’artificio, per un peso totale di circa 58 kg, già confezionati e pronti per la minuta vendita. La successiva perquisizione presso l’abitazione del soggetto sottoposto a controllo permetteva di sequestrare, all’interno del locale adibito a garage, ulteriori 2.416 articoli pirotecnici di produzione artigianale, per un peso di circa 116,5 kg, detenuti senza alcuna autorizzazione ed in violazione delle norme di prevenzione e sicurezza. I complessivi 3.136 artifizi pirotecnici, pari ad un peso totale di circa kg. 174,5, venivano sottoposti a sequestro in quanto rientranti nella V categoria del t.u.l.p.s (tra i più pericolosi), mentre il responsabile dell’illecita detenzione veniva denunciato alla procura della repubblica presso il tribunale di Napoli.
In un'altra operazione, le fiamme gialle del I gruppo Napoli, dopo aver intercettato un furgone sospetto, lo seguivano fino ad un casolare, sito nella zona del nolano, adibito a deposito abusivo di fuochi pirotecnici. All’interno del locale erano nascosti 2.284 articoli pirotecnici, detenuti senza alcuna autorizzazione, per un peso complessivo di 1.640 kg, già confezionati e pronti per la minuta vendita. L’attività si è conclusa con il sequestro di quanto rinvenuto e con la denuncia di 2 soggetti per le violazioni di cui agli artt. 678 e 679 del codice penale e artt 38 e 47 del t.u.l.p.s. L’attività di servizio testimonia il costante presidio esercitato dalla guardia di finanza sul territorio a salvaguardia delle leggi ed a contrasto di un fenomeno connotato da forte pericolosità sociale.

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information