Situazione insostenibile quella delle assistenti sociali del comune di Ponticelli, aggredite lunedì con calci e pugni da una utente. È duro il lavoro di questi operatori, tra le figure ricercate nell'ultimo concorso flop per espletare le pratiche del reddito di inclusione. Nel loro caso, però, sono stati coperti tutti i 54 posti a disposizione. Assieme agli psicologi e agli educatori, gli assistenti sociali nelle pratiche del Rei, hanno il compito di occuparsi delle famiglie con più di un problema, ascoltandone i bisogni e le preoccupazioni, accompagnandole nella realizzazione del progetto per migliorare le loro condizioni di vita, che è prerequisito indispensabile per aver diritto all'assegno del Rei. Ma le condizioni di lavoro sono difficilissime. Lunedì, due operatrici di Ponticelli sono state malmenate. La vicenda è stata segnalata ai carabinieri. In una lettera al Comune, la responsabile del servizio della Municipalità chiede l'istituzione di un presidio di Polizia Locale presso lo sportello per arginare le continue aggressioni.
"Un mestiere di frontiera con tante difficoltà", denunciano le assistenti sociali. La Cisl Fp del Comune di Napoli ha diffuso una nota in cui esprime massima solidarietà "alle lavoratrici aggredite. L'ennesima violenza che si registra ai danni delle assistenti sociali comunali. Ci uniamo all'appello per riportare il drappello di Polizia Locale in ogni Municipalità, come è stato in passato, a tutela non solo dei dipendenti, ma anche dei cittadini".

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information