Prima di entrare stamane in Piazza San Pietro per l'udienza generale, papa Francesco ha voluto stringere a sé e benedire 25 bambini di Napoli malati di leucemia e di tumore, sostenuti dall'associazione "Angeli guerrieri della terra dei fuochi" e accompagnati dai loro familiari.

Il Papa - riferisce l'Osservatore Romano - li ha accolti nell'aula Paolo VI, in modo che non prendessero freddo. "Un gesto delicatissimo e paterno - dice Concetta Zaccaria, responsabile dell'associazione - anche perché due bambini hanno appena subito il trapianto del midollo e altri sono fortemente indeboliti dalle cure contro la malattia". Tutti hanno preparato un piccolo dono per Francesco. Ma "il regalo più grande - riconosce Concetta - ce lo ha fatto lui dandoci la forza per continuare a lottare". La donna non nasconde che "nell'incontro con il Papa i ragazzi e le loro famiglie ripongono enormi speranze per trovare il coraggio di continuare ad affrontare la battaglia". Da parte nostra, aggiunge, "cerchiamo di star loro vicino e con noi si danno da fare tanti genitori che purtroppo hanno visto morire i loro figli, in una terra tristemente nota dove lo scempio ambientale miete ogni giorno nuove vittime, soprattutto tra i più piccoli".

Pasquale Ragozzino





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information