Continuano le operazioni di spegnimento dei roghi. In prima linea il personale e i volontari della Protezione Civile regionale, che insieme ai Vigili del Fuoco, presidiano e intervengono nei punti rimasti ancora critici del territorio della Campania, a cominciare dagli Astroni, dal versante di Terzigno del Vesuvio, ai Monti Lattari, dove insistono focolai a ridosso delle due costiere, amalfitana e sorrentina. L'impegno resta massimo. E mentre parte la ricognizione degli ingenti danni, sono in atto le valutazioni sulle possibili gravi conseguenze ambientali degli incendi dell'ultima settimana. "In settimana - ha dichiarato il Presidente della Regione Vincenzo De Luca - è già in programma una riunione con il Direttore generale del lavori pubblici che dirige i Geni Civili territorialmente divisi per provincia. Valuteremo la possibilità, da subito e comunque non appena sarà possibile, di effettuare sopralluoghi sui luoghi degli incendi, inviando i funzionari dei geni civili addetti alle valutazioni dei possibili rischi di smottamenti o frane. I nostri funzionari potranno valutare se esistono innanzitutto situazioni di rischio a ridosso di centri abitati e di strade, in modo da intervenire anche in somma urgenza al fine di contenere il pericolo per la pubblica incolumità".





Leggi anche:


Cerca in google

 

 

stoccata.jpg

 

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information