I Carabinieri del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna hanno dato esecuzione a un'ordinanza di applicazione del divieto di dimora a Napoli e provincia emessa dal gip a carico di un 44enne consigliere comunale a Mugnano di Napoli - del quale non è stato ancora fornito il nome - per il quale si ipotizza l'associazione di tipo mafioso e di far parte del clan degli "Amato-Pagano", operante nell'area a Nord del capoluogo. Le investigazioni, coordinate dalla Dda partenopea, lo indicano - secondo quanto sostengono i carabinieri - in riferimento alla gestione delle estorsioni a Mugnano di Napoli e nei contatti con imprenditori, commercianti ed esponenti delle amministrazioni locali. Insieme a personale della Guardia di Finanza di Napoli, è stato eseguito un decreto di sequestro preventivo a carico di altri indagati, con sigilli a 18 immobili (appartamenti, ville e terreni tra Mugnano, Quarto e Melito) e di una società di costruzioni con sede a Giugliano, per un valore di circa 5 milioni e mezzo.





Leggi anche:


Cerca in google

 

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information