Luciano Vassallo, 31enne, è stato raggiunto da un’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia presso il medesimo Tribunale, ed eseguita dai militari del Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri di Aversa unitamente ai Carabinieri di Villa Literno. Il provvedimento scaturisce da una più ampia attività investigativa condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Aversa e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli che vede il soggetto indagato per i reati di rapina aggravata e porto illegale di arma clandestina aggravati dal metodo mafioso. L’attività investigativa, supportata da attività istruttorie ed intercettazioni telefoniche, ha permesso di accertare e documentare una rapina consumata la notte del 21 luglio 2019 presso una nota struttura balneare a Castel Volturno. È stato ricostruito che, nella circostanza, l’indagato, pregiudicato per minaccia, porto abusivo di armi ed associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, si era introdotto arbitrariamente nella struttura mentre era in corso una festa privata ed adoperando violenza, consistita nel percuotere i titolari della struttura, dopo aver intimidito i medesimi ostentando l’appartenenza al clan dei Casalesi, minacciandoli altresì di morte impugnando una pistola di illecita provenienza, s’impossessava della somma di euro 1000 asportandola dalla cassa contabile del lido e sottraendola, dunque, ai legittimi detentori. E’ stato tradotto in carcere.

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information