La crisi della raccolta rifiuti sta investendo tutto l’agro aversano e l’atellano. Le origini del problema sono le più svariate e vanno dalla mancata educazione di alcuni cittadini alla raccolta differenziata, alle inadempienze di alcune ditte aggiudicatarie degli appalti e anche all’incapacità degli Enti comunali di gestire adeguatamente il servizio. Non si sottrae a questa tragedia il comune di Aversa, dove ormai non si contano le segnalazioni per accumuli di rifiuti, anche nelle zone centrali della città, che giacciono per giorni senza che vengano raccolti. Una situazione che è diventata ormai insostenibile. Ma oltre al problema della raccolta rifiuti, per il quale la città normanna sta affrontando non pochi grattacapi anche a causa della multa da 250mila euro inflitta all’Ente, da versare in favore della Senesi (ditta che si occupa della raccolta rifiuti), c’è ancora la questione insoluta del passaggio di cantiere, che si trascina ormai da moltissimo tempo: il servizio della raccolta dei rifiuti dovrebbe passare dalla Senesi alla Tekra.

I guai però non finiscono qui. Ad affliggere la seconda città della provincia di Caserta non è solo il problema dei rifiuti ma anche la cura del verde pubblico. Anche su questo versante molti cittadini hanno segnalato un servizio non proprio adeguato: in via Salvo D’Acquisto e in piazza Paul Harris ieri, da quanto si è appreso, si è proceduto alla potatura degli alberi ma i residenti sembra non siano rimasti proprio soddisfatti perché tutti gli sfalci sono rimasti a terra. Senza rimuovere nemmeno le foglie secche, che nel periodo autunnale si accumulano molto velocemente. E a giudizio di molti anche la ‘pulizia’ degli alberi sarebbe stata effettuata in maniera molto grossolana. Quello che viene chiesto a gran voce è un maggior controllo da parte del Comune sulle ditte a cui vengono affidati i vari servizi e sanzionare, in caso di inadempienze. Non c’è pace, quindi, per l’amministrazione Golia. Il sindaco e la giunta non hanno tempo da perdere. I problemi di certo non mancano e bisogna affrontarli con urgenza.

Luigi Viglione





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information