Un maxi blitz dei carabinieri ha portato a 6 ordinanze di custodia tra Parete, San Marcellino e il Napoletano. Due persone sono finite in carcere, per gli altri sono stati disposti arresti domiciliari e obblighi di dimora. Tra gli indagati c’è Enrico Verso, cognato dell’ex boss Raffaele Bidognetti ora pentito, e Salvatore Fioravante di San Marcellino. Nel corso delle indagini sono stati sequestrati anche tre istituti di vigilanza che agivano anche nel giuglianese. L’inchiesta si muove proprio su un presunto racket. A finire in carcere: Enrico Verso, 56enne di Parete, cognato dell’ex boss, oggi pentito, Raffaele Bidognetti; Salvatore Fioravante, 46enne di San Marcellino. Ai domiciliari: Antonio D’abbronzo, 47enne di Villaricca; Eugenio Di Laura, 51ene di Sant’Antimo. Divieto di dimore in Campania Per Vincenzo Siano, 66enne di Sant’Antimo, e Carlo Verdone, 59enne di Roma. Le ordinanze di custodia cautelare sono state eseguite nel corso della notte nell’ambito di un’indagine sulla riorganizzazione della cosca. Contestualmente sono state effettuate anche delle perquisizioni dai militari diretti dal tenente colonnello Donato D’Amato.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information