A seguito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere e delegate alla Polizia di Stato di Casetta, supportate anche da attività tecniche, è stato tratto in arresto e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari Aniello Bizzarro 32 anni, pregiudicato originario della provincia di Caserta. Le attività sono state eseguite dalla Squadra Mobile casertana in esecuzione dell'ordinanza di applicazione di misura coercitiva, emessa il 7 settembre 2017 dal Tribunale di S. Maria Capua Vetere, Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari, in quanto il Bizzarro, su conforme richiesta del pubblico ministero, è stato ritenuto responsabile di estorsione continuata. Più -nel dettaglio, nella seconda metà del mese di gennaio di quest'anno, Bizzarro si è presentato presso una rivendita di frutta e verdura di Caserta e, dopo una richiesta iniziale di "un contributo per la festa di Caserta", si è dapprima adirato per l'esigua cifra offerta e poi, millantando collegamenti con un clan camorristico locale, ha preteso la corresponsione di somme di denaro ben più consistenti a titolo estorsivo, asseritamente finalizzate a garantire la sua "protezione" all'esercente. Le condotte, consistite anche in minacce ai familiari, hanno finito col sottrarre alla vittima fino a 500€ e sono state consumate in più occasioni e in più luoghi. La misura è stata eseguita nel comune di Maddaloni, dove Bizzarro Aniello risulta residente.





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information