La maestra di Amorosi, M.L. di 51 anni, sospesa dalle funzioni per un anno perché ritenuta responsabile di maltrattamenti ai danni di alcuni bambini della scuola elementare, ha confessato al gip del Tribunale di Benevento nel corso dell'interrogatorio di garanzia di essere pentita del suo comportamento, documentato dalle telecamere installate nel corso delle indagini dagli uomini della Squadra Mobile di Benevento. Secondo gli inquirenti, infatti, l'insegnante avrebbe picchiato con schiaffi e calci i bambini, strattonandoli, trascinandoli e apostrofandoli in vario modo. Alcuni docenti e funzionari della scuola, intanto, hanno fatto affiggere ad Amorosi un manifesto indirizzato ai genitori. A loro i firmatari ricordano che "gli insegnanti rinforzano l'educazione ricevuta a casa dai propri genitori, non si sostituiscono ad essi come architetti del loro futuro". "Noi non vogliamo - scrivono - difendere o assolvere la nostra collega. Ci chiediamo però se chi ha causato tutto questo con tanta facilità e leggerezza abbia interrogato - e stia interrogando - se stesso. E se possa sentirsi sicuro di aver agito in modo equo, costruttivo, equilibrato e responsabile".


 





Leggi anche:


asips

Cerca in google

 

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information