Errore
  • DB function failed with error number 145
    Table './CAMPANIANOTIZIE/jos_vvcounter_logs' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT MAX(time) FROM jos_vvcounter_logs
  • DB function failed with error number 145
    Table './CAMPANIANOTIZIE/jos_vvcounter_logs' is marked as crashed and should be repaired SQL=INSERT INTO jos_vvcounter_logs (time, visits, guests, members, bots) VALUES ( 1594201510, 1108, 1014, 0, 94 )

Ancora un furto al Liceo Artistico-Scientifico "De Luca" di Avellino ancora nel mirino dei ladri. A denunciare l’ultimo furto avvenuto nel plesso scolastico è stata la dirigente Maria Rosaria Siciliano che ha deciso di consegnare le chiavi dello stabile al presidente della Provincia a causa della mancata messa in sicurezza, che espone la struttura e ed i reperti in esso conservati a continui raid. "Dopo tre anni, si è ancora in attesa dei lavori di ristrutturazione necessari", denuncia la dirigente. L'ultimo furto è stato scoperto oggi, presso i locali della sede storica di via Tuoro Cappuccini, in particolare nell'ala anteriore, oggetto di lavori di ristrutturazione. "Sono stati sottratti attrezzi ginnici e libri di valore storico, custoditi nella preziosa biblioteca della scuola". A parte quest'ultimo episodio, la dirigente sottolinea come, negli ultimi tre anni, abbia chiesto più volte all'ente Provincia, proprietario dello stabile, di intervenire con sistemi di sicurezza per proteggere biblioteca e museo storico dell'istituto. "Nessuna misura cautelativa è stata assunta - denuncia. Tra l'altro, nella sede di Tuoro Cappuccini, lasciata libera in attesa di lavori di ristrutturazione che tardano ad essere eseguiti, è ospitata anche un'esposizione permanente con ceramiche risalenti alla Scuola Regia, nonché un arazzo che risulta essere il secondo più prezioso in Italia". Di fronte ai continui raid, la dirigente ha deciso di restituire le chiavi dell'edificio all'amministrazione provinciale "sollevando la Dirigenza da responsabilità civili e penali, per eventuali furti o danneggiamenti, nell'auspicio che possa esservi un intervento risolutivo da parte delle istituzioni preposte", conclude Siciliano.

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information