Anziché portare i rifiuti in discarica li avevano trasportati e sversati in un fondo privato, ma sono stati scoperti e denunciati dai Carabinieri della Stazione di Nusco.
Prosegue l’azione dei militari del Comando Provinciale Carabinieri di Avellino quotidianamente impegnati nella capillare attività di controllo del territorio tesa a garantire sicurezza e rispetto della legalità. Questa volta, a finire sotto l’attenta lente degli uomini dell’Arma, è stato un episodio di illecito ambientale. Quell’insolito deposito di materiale di risulta (costituito principalmente da cumuli di asfalto, cemento e ghiaia) all’interno di un fondo privato in agro del Comune di Nusco, non era passato inosservato alla vigilanza dei Carabinieri.
L’attività svolta dai militari dell’Arma ha permesso di deferite alla Procura della Repubblica di Avellino quattro persone, ritenute responsabili di violazione di Norme in Materia Ambientale di cui al Decreto Legislativo 152/2006, in particolare dell’art. 256 (Attività di gestione di rifiuti non autorizzata) e art. 192 (Divieto di abbandono). Nello specifico, l’indagine permetteva di far emergere responsabilità a carico di tre soggetti che, a vario titolo, con il consenso del proprietario del terreno, in assenza delle prescritte autorizzazioni, avevano smaltito il citato materiale proveniente da lavori di scavo del manto stradale.
L’area oggetto della indebita condotta è stata posta sotto sequestro.

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information