Ci sono sette indagati per la morte della donna pakistana di 33 anni deceduta all'ospedale di Bentivoglio (Bologna) dopo aver partorito, con cesareo e in anestesia generale, il suo quarto figlio. Domani sara' eseguita l'autopsia. Il Pm Giuseppe Di Giorgio, che ha aperto un fascicolo per omicidio colposo - si legge sul Corriere di Bologna - ha iscritto nel registro degli indagati come atto di garanzia medici, ostetrici e infermieri che si sono occupati del caso e che possono cosi' nominare propri consulenti.

Dopo il decesso della 33enne, e visto che negli ultimi anni in quel reparto si sono verificati casi di cui si e' occupata la magistratura, la Direzione dell'Azienda Usl di Bologna ha istituito un'apposita commissione d'analisi e valutazione delle attivita' cliniche. La donna - in base alla ricostruzione dell'Ausl- e' stata ricoverata tre giorni fa a Bentivoglio per induzione al parto, durante il quale si e' presentata un'anomalia del tracciato cardiotocografico che ha fatto presagire una sofferenza fetale. I medici hanno deciso un parto cesareo in anestesia generale, con la nascita di un bambino sano. Subito dopo, la donna - secondo quanto riferito - ha manifestato i segni di una grave bradicardia ed e' stata sottoposta alle manovre di rianimazione, inutili. Sul caso anche la Commissione d'inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del Servizio sanitario nazionale avviera' verifiche, tramite i Nas. Lo ha reso noto ieri il senatore Pd Ignazio Marino, presidente della Commissione.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information