La scorsa settimana, un 32enne di origini campane, residente a Marsciano in provincia di Perugia, ha denunciato di aver subito a Deruta una rapina da parte di due uomini che, simulando l'appartenenza alla forze di polizia, lo avrebbero fermato utilizzando un lampeggiante ed una paletta di segnalazione, e, dopo aver indossato dei passamontagna, sotto la minaccia di una pistola si erano fatti consegnare la somma di euro 500, dandosi poi alla fuga.

Le successive indagini dei carabinieri della stazione di Deruta, in collaborazione con quelli di Marsciano, hanno permesso di appurare che l'uomo era caduto nella dipendenza del gioco dei videopoker dove solitamente sperperare ingenti somme di danaro. In particolare l'uomo, proprio per soddisfare il proprio vizio, era addirittura arrivato a giocarsi il denaro che aveva a disposizione per la sua attivita' lavorativa. Le indagini quindi sono state indirizzate in quella direzione ed e' stato accertato che l'uomo si era fatto prestare 500 euro da un parente con la scusa di dover pagare delle bollette in scadenza, ma dopo le aveva giocate ai videopoker simulando una rapina per giustificare l'ammanco. Per l'uomo e' scattata una denuncia per simulazione di reato.





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information