I sei arresti effettuati dalla polizia di Pescara nell'ambito di un'operazione contro la prostituzione, coordinata dalla Direzione Anticrimine Centrale (Dac), sono il risultato di indagini, partite l'anno scorso a seguito di una segnalazione dell'Aisi (Agenzia Informazioni e Sicurezza Interna) e poi coordinate dalla Procura Distrettuale dell'Aquila, sono durate diversi mesi e si sono basate sia sulle dichiarazioni di alcune delle ragazze sfruttate, sia su numerose intercettazioni e servizi di controllo e pedinamento.

Determinanti, invece, si sono rivelate le dichiarazioni rese da tre ex prostitute, attualmente inserite in un programma di protezione e reinserimento sociale, che hanno deciso di collaborare e di denunciare le responsabilita' dei rispettivi sfruttatori. Le donne venivano portate illegalmente in Italia dopo essere state ''comprate'' per somme variabili tra i 50.000 e i 60.000 euro. Le prostitute venivano tenute prigioniere con riti voodoo e torture.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information