Non si arrende il marito che ha deciso di cambiare sesso ma non di lasciare sua moglie. Alessandra Bernaroli, 40 anni e un passato alle spalle da Alessandro con tanto di matrimonio in Chiesa, e' pronto a dichiarare ancora "battaglia". "Abbiamo depositato ricorso in Cassazione - annuncia all'Adnkronos - e speriamo di smontare pezzo dopo pezzo la sentenza" con cui la Corte d'appello di Bologna ha sciolto la sua unione.

"La nostra speranza - confida - e' che l'udienza in Cassazione venga fissata in tempi molto brevi, anche perche' non e' certo piacevole vivere in uno stato di cosi' grande incertezza riguardo alla propria condizione matrimoniale. Siamo nell'impossibilita' di prendere qualunque decisione riguardo al nostro futuro. Speriamo nel giusto riconoscimento del nostro diritto, ma saremo pronte, nel caso le cose non dovessero andare come speriamo, anche ad adire la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo".

"Non ci sto - assicura - a rinunciare al mio matrimonio". Quello deciso dalla Corte d'appello di Bologna, "e' un vero e proprio divorzio di Stato - accusa - Ma io non mi arrendo, nonostante questa vicenda stia minando il rapporto tra me e mia moglie. Non vogliamo divorziare, non lo abbiamo mai voluto - assicura - ma e' quel che sta tentando di farci fare lo Stato". La vicenda di Bernaroli e di sua moglie e' destinata a fare giurisprudenza. Si tratta, infatti, del primo caso del genere in Italia. La coppia si era rivolta al Tribunale dopo che Bernaroli, dipendente della Banca popolare dell'Emilia Romagna e attivista dell'associazione Rete Lenford, aveva ottenuto il cambio di sesso sulla propria carta d'identita', ma per avere il documento nuovo si era fatta stilare uno stato di famiglia in cui la coppia risultava separata pur abitando sotto lo stesso tetto.

In primo grado Bernaroli la spunta, e pensa di aver salvato il suo matrimonio. Ma in appello vede stroncate le sue speranze, anche se, come preannunciato all'indomani della sentenza, e' decisa a non arrendersi ed e' ricorsa alla Suprema Corte. La 'palla', dunque, passa ora alla Cassazione. "Ma non nascondo di essere provata - dichiara - anche perche' gli attacchi sono molteplici e arrivano anche da mondo della politica. La legge 164 del 1982 sul transessualismo - accusa - e' stata modificata il 9 giugno scorso con un'improvvisa delibera del Consiglio dei ministri. Hanno modificato due articoli e, soprattutto, cambiato una termine all'articolo 4, dove si parla, guarda caso, dello scioglimento del matrimonio".

La delibera del Cdm e' stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 21 settembre scorso, e sara' in vigore a giorni, a partire dal 6 ottobre. L'articolo in questione stabilisce che il cambio di sesso provoca lo scioglimento del matrimonio, "ma la parola 'provoca' e' stata sostituita con 'determina'. E' lecito chiedersi - accusa Bernaroli - se chi ha deciso di fare questa modifica abbia pensato magari di mettere dei paletti che non c'erano. Ma un tema cosi' importante e delicato - accusa - non si affronta in maniera cosi' raffazzonata e superficiale. Ma io non perdo la fiducia e spero che la Cassazione faccia luce sulla nostra vicenda una volta per tutte".





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information