Un'inchiesta per istigazione al suicidio, a carico di ignoti, è stata aperta dalla procura dei minori di Torino sul tentativo di togliersi la vita di una ragazzina di 14 anni che ha ingerito alcuni farmaci nel bagno di una scuola nel Torinese.

"Questi casi hanno la stessa attenzione di un omicidio,interferiscono sull'educazione dei giovani che per noi è fondamentale",afferma il procuratore Baldelli. Gli agenti sarebbero risaliti ad alcuni coetanei che avrebbero ridicolizzato la ragazzina sui social network.

 





Leggi anche:


Cerca in google

 

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information