Pin It

I Talebani hanno rivendicato l'attentato kamikaze avvenuto ieri in una moschea vicino Peshawar, nelle aree tribali del Pakistan nordoccidentale, costato la vita a 49 persone e il ferimento di oltre 100. Un portavoce dei Talebani, citato dall'agenzia d'informazione 'Dpa', ha affermato che l'attentato e' stato eseguito per punire le tribu' locali che hanno deciso di appoggiare il governo nella lotta agli insorti.

"L'attentato - ha precisato il portavoce dei ribelli, Muhammad Talha - era diretto contro la popolazione di Kukikhel perche' ha cooperato con le forze governative e le ha aiutate nelle recenti operazioni contro i Talebani nella valle di Tirah".

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information