NAPOLI - C'é una "subdola e progressiva delegittimazione degli avvocati penalisti" che ha "ormai raggiunto livelli intollerabili". Sull'onda del caso del legale di Gianpaolo Tarantini, Nicola Quaranta, sollevato "coattivamente" dai pm di Napoli dall'osservanza del segreto professionale, ma anche di altre vicende,

i penalisti fanno appello al capo dello Stato e pensano allo sciopero, anche per protestare contro lo stallo della riforma costituzionale della giustizia.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information