Esiste una proteina che ripara il cuore rigenerando i tessuti dopo un infarto: si chiama follistatina­like 1 (FSTL1) e su topi e maiali si è rivelata capace di stimolare la formazione di nuove cellule del muscolo cardiaco. Descritta sulla rivista Nature, questa scoperta, che si deve ai ricercatori dell'università di Stanford coordinati da Pilar Ruiz­Lozano, potrebbe aprire una nuova pagina nella cura dell'infarto.

Il cuore dei mammiferi non è infatti capace di autoripararsi completamente dopo una grave perdita di cellule del cuore (i cosiddetti cardiomiociti) che si ha con un infarto. Finora poco o nulla si sapeva sui fattori che limitano la rigenerazione delle cellule del muscolo cardiaco. Ma i ricercatori americani hanno scoperto che nei cuori sani questa proteina si trova sull'epicardio, cioè la membrana che circonda la parete del cuore. Dopo un infarto invece non è più presente sull'epicardio. Mettendo una sorta di cerotto bio­ingegnerizzato, che imita il tessuto dell'epicardio e funziona come una 'fonte' di proteina negli animali infartuati, i ricercatori hanno dimostrato che la proteina induce la crescita delle cellule del muscolo del cuore e migliora le funzioni cardiache e la sopravvivenza. Il che suggerisce, conclude lo studio, che ripristinare la presenza della proteina FSTL1 nell'epicardio può essere un modo efficace per rigenerare il cuore dopo un infarto, aprendo nuove possibilità di terapia.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information