E’ stato presentato pochi giorni fa il rapporto annuale della campagna LasciateCIEntrare sullo stato dell’accoglienza dei profughi in Italia. Che si tratti di richiedenti asilo o di migranti economici poco cambia. Da nord a sud il quadro è nero. Numerose le strutture di accoglienza visitate, dai c.i.e. agli sprar, per finire con cas, cara e cda. Poche, ma davvero poche, le strutture che hanno dimostrato di rispettare le convenzioni stipulate per l’accoglienza dei migranti. Un dato è emerso con chiarezza: nell’ambito dell’accoglienza di soldi ne girano parecchi ma nel 90% dei casi non sono i migranti a beneficiarne. I gestori delle strutture tagliano su tutto: cibo, alloggi, pulizia, assistenza legale e sanitatiria. Ci sono poi i casi eclatanti di vere e proprie appropriazioni indebite dei poker money (€ 2,50) giornalieri che spetterebbero ai migranti. Vorremmo veder sparire i casi di malaccoglienza - hanno scritto gli attivisti nella nota finale del testo - di misero business della solidarietà che hanno caratterizzato l'anno passato. Vorremmo non vedere più centri di detenzione, li vorremmo sapere cancellati dal nostro ordinamento a costituire triste memoria di un periodo in cui le leggi erano sbagliate e producevano danni, sofferenze, morte e rabbia. Ma siamo realisti. Sappiamo che difficilmente si saprà rispondere in maniera intelligente e adeguata alla sfida che ci si presenta, Sappiamo che ci sarebbero le risorse per cambiare l'esistente e per produrre anche significativi cambiamenti culturali in questa società italiana che si è ormai imbarbarita e incattivita. Di sotto riportiamo l’intero documento nel quale si riportano, caso per caso, i report relativi a tutto il lavoro svolto su tutto il territorio italiano.

Luca Leva

 

CLICCA QUI PER IL RAPPORTO





Leggi anche:


Cerca in google

 

 

stoccata.jpg

leisure_300x250.gif

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information