Errore
  • DB function failed with error number 145
    Table './CAMPANIANOTIZIE/jos_vvcounter_logs' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT MAX(time) FROM jos_vvcounter_logs
  • DB function failed with error number 145
    Table './CAMPANIANOTIZIE/jos_vvcounter_logs' is marked as crashed and should be repaired SQL=INSERT INTO jos_vvcounter_logs (time, visits, guests, members, bots) VALUES ( 1593887567, 1290, 1194, 0, 96 )

MARCIANISE -   Disco verde a “Smackianise”, iniziativa di valorizzazione delle aree urbane degradate attraverso “attacchi improvvisi” di pulizia.  Obiettivo dell’operazione: risvegliare nella popolazione il senso di appartenenza e l’amore per la propria città.

Una cultura del fare dunque che ha avuto il suo avvio nella mattina del 30 ottobre, quando circa un centinaio di ragazzi, armati di ramazze e palette,  si sono incontrati, dando vita ad una massiccia azione di pulizia collettiva che ha interessato piazza Buccini, le aree limitrofe, e l’area parking di via Musone.  Nel particolare, la storica piazza ospitante il convento dei frati francescani è stata oggetto di un intervento di rimozione dei rifiuti e di risistemazione del verde pubblico, realizzato attraverso la piantumazione di aiuole.

Per il parcheggio i volontari hanno tinteggiato tutte le mura, ricoperte da scritte e dichiarazioni “pseudo amorose”. Ma oltre al fare, spazio anche al sensibilizzare. Alla fine di ogni attacco sulle zone interessate dal “raid”  sono stati apposti cartelli che, oltre ad informare sull’iniziativa, contenevano messaggi invitanti alla conservazione del nuovo stato dei luoghi.

Quella di domenica 30 ottobre è stata solo la prima di una serie di interventi già programmati, ed i cui dettagli saranno resi noti nei prossimi giorni.

Soddisfatti per l’esito dell’attacco, gli organizzatori: “ Siamo stanchi di lamentele fini a sé stesse. Per questo abbiamo deciso di rimboccarci le maniche e darci da fare, convinti che l’esempio pratico valga più di mille parole.  I nostri sono e saranno attacchi dimostrativi per palesare che con l’impegno e la responsabilità collettiva possiamo costruire e pretendere un posto migliore, sulla scia di quanto sta avvenendo in Campania. Il progetto avrà un respiro più ampio perché, dopo gli attacchi di pulizia, miriamo a coinvolgere anche i più giovani con incontri nelle scuole.  Siamo entusiasti degli apprezzamenti e della partecipazione popolare, e ci auguriamo che tutti possano contribuire a conservare la nuova dignità dei luoghi ripuliti”.





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information