"Lo sciopero generale dei medici indetto per domani è confermato". Lo afferma il segretario della Fp-Cgil medici, Massimo Cozza, precisando che tale posizione riguarda anche tutte le altre sigle sindacali che hanno indetto la protesta. Lo sciopero, spiega, "riguarda infatti problemi generali della sanità, e le assunzioni ne rappresentano solo una parte. Il nodo è la sostenibilità dell'Ssn". Quanto al nuovo emendamento del governo per le assunzioni, nella Legge di Stabilità, commenta, "mancano risorse certe". Il nuovo emendamento, afferma Cozza, "sarebbe un primo risultato, ma se ci fossero delle risorse economiche certe. Al contrario, sembra basato su risparmi regionali tutti da verificare, da parte di Regioni che sono tra l'altro già in difficoltà economica". Nessun passo indietro, dunque, sullo sciopero generale di domani: "La nostra protesta mira a richiamare l'attenzione dei cittadini sul fatto che c'è un rischio concreto di sopravvivenza, conclude il leader sindacale, per il nostro Servizio sanitario nazionale e per le erogazioni di prestazioni ai cittadini stessi".





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information